Crollo del turismo in Spagna

turismo-500Gli arrivi di turisti internazionali in Spagna sono diminuiti del 90% su base annua a novembre, secondo i dati ufficiali, dopo che le autorità hanno imposto nuove restrizioni ai viaggi per frenare l’aumento delle infezioni da coronavirus. Nei primi undici mesi dell’anno, circa 19 milioni di turisti stranieri hanno visitato la Spagna, il 78% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019, ha affermato l’Istituto nazionale di statistica del Paese (Ine).

L’Azzurro Faniel a Madrid

Eyob-FanielFinisce con un altro record il 2020 di Eyob Faniel: l’azzurro eguaglia il primato italiano nei 10 chilometri di corsa su strada con il tempo di 28:08 a Madrid, piazzandosi al secondo posto nella San Silvestre Vallecana. Pareggiato il crono ottenuto all’inizio dell’anno, il 12 gennaio, da Daniele Meucci a Valencia. Per il 28enne vicentino delle Fiamme Oro è la seconda impresa da record nella stagione, dopo aver stabilito quello della maratona con 2h07:19 il 23 febbraio a Siviglia, sempre in Spagna. La classica corsa di Madrid si è disputata in circuito, a numero chiuso e senza la consueta cornice di pubblico, con quattro giri di due chilometri e mezzo. Fonte: La Stampa

Accordo su Gibilterra

cosa_vedere_gibilterra_elicotteroIl 31 dicembre del 2020, Spagna e Regno Unito hanno trovato un accordo in extremis su Gibilterra, territorio britannico sulla costa meridionale spagnola, per evitare la creazione di un cosiddetto «confine rigido» tra Gibilterra e la Spagna dopo Brexit. Nell’accordo, che sarà finalizzato nei prossimi mesi La Verja terminerà di esistere e non si convertirà, quindi, in uno dei confini esterni dell’Unione Europea, soddisfacendo così le richieste del governo locale gibilterrino guidato da Fabian Picardo. Le persone provenienti dai paesi Schengen potranno entrare liberamente a Gibilterra, mentre i britannici che arrivano dal Regno Unito dovranno continuare a usare il passaporto.

Conti dormienti, vanno richiesti entro novembre 2018

Farnesina-ministero-affari-esteriIl Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale ricorda a tutti gli italiani all’estero che a partire dal prossimo mese di novembre inizieranno a scadere i termini per l’esigibilità delle somme relative ai cosiddetti “conti dormienti”, ovvero gli importi affluiti al Fondo Rapporto Dormienti a partire dal novembre 2008. Il termine di prescrizione si applica trascorsi 10 anni da quando Continue reading

Talco e tumori, le prove non sono sufficienti

talco«Non ci sono prove sul legame tra uso del talco e il rischio di cancerogenicità». Questo è il parere dei tossicologici italiani della Società Italiana di Tossicologia (Sitox) secondo i quali per “un’adeguata valutazione del rischio è necessario procedere alla caratterizzazione della relazione dose/risposta e dell’esposizione” mentre basarsi su una “classificazione basata sul solo pericolo Continue reading

Ricordando Troisi

Murales-di-Jorit-per-Massimo-Troisi-Street-Art-a-Napoli-640x360-6etiyap29o9ha235asegfygdssn9u1ea52wtic8slv8-600x400Il 4 giugno del 1994, moriva a Ostia, vicino Roma, l’attore, registra e sceneggiatore italiano Massimo Troisi. Si spense nel sonno, in seguito a un attacco cardiaco, causato dai problemi di cuore di cui soffriva da tempo. Nel 1996, due anni dopo la sua scomparsa, fu candidato all’Oscar come miglior attore per il ruolo interpretato nel suo ultimo film, Il Postino, tratto dal romanzo Il Postino di Neruda. Il 22, 23 e 24 giugno, Napoli lo ricorderà con un grande evento in piazza del Plebiscito.

 

I 90 anni dei pasti in aereo, storia di un grande declino

cq5dam.rendition.900.600Compie 90 anni il pasto in aereo, pasto oggi si fa per dire, generalmente se si è fortunati è un piccolo vassoio di cibi preconfezionati, scaldati nei forno microonde, oppure snack in busta magari anche a pagamento. Il primo in versione luxury fu servito il primo maggio 1927 sugli aerei della compagnia Imperial Airways, antesignana della British Airways. Il servizio “Silver wing”, così si chiamava, venne Continue reading

Latte d’asina contro intolleranze e come cosmetico

843Con un aumento del 90 per cento negli ultimi 10 anni, il numero di asini è praticamente raddoppiato in Italia dove si contano ben 59mila quadrupedi. Negli anni 50 erano presenti nel nostro Paese quasi un milione di asini, ma la loro consistenza nel tempo si è decimata ed è solo a partire dal 2000 che è iniziata una rapida risalita che ha salvato dall’estinzione molte razze locali. In Italia le razze italiane più presenti sono l’Amiata, Martina Franca, Ragusano, Sardo, Romagnolo, Asinara e Pantesco. La salvaguardia delle razze asinine è dovuta al reinserimento dell’asino in programmi di nuove utilizzazioni di interesse sociale Continue reading

Un whisky italiano prodotto sulle nostre Alpi

distillerie-puni_03Anche l’Italia è terra di produzione di whisky. Nel cuore del parco nazionale dello Stelvio, in alta Val Venosta a Glorenza (Bolzano), la famiglia Ebensperger, dei veri cultori dell’acquavite scozzese, ha costruito la distilleria Puni, un edificio moderno che richiama al contempo un fienile per produrre spirits anche tra le Alpi e le vette Continue reading

I pesci sotto taglia possono diventare cosmetici

close up of  beauty hygiene container on white background with clipping path

È ora possibile anche l’utilizzo cosmetico per alcune specie di pesci che, quando vengono catturati sotto la taglia minima commerciale, ossia con dimensioni inferiori a quelle stabilite dalla normativa comunitaria e nazionale, non possono più però per legge essere buttati in mare anche se privi di vita. Via libera dunque a cosmetici a base di pesce, ma anche a integratori alimentari e a mangimi, secondo quanto Continue reading